IBT Group

Efficiency Solutions

Cogenerazione e trigenerazione: come tagliare i costi energetici delle strutture ospedaliere e non solo

Category: Cogenerazione

Tagged: , , , , ,

cogenerazione ospedale IBT Energy

Una delle strutture più energivore in assoluto è l’ospedale.

Si tratta infatti di un sistema energetico complesso che richiede grandi quantità di energia per 24 ore, 7 giorni su 7, per 365 giorni all’anno.

Quasi la totalità dei consumi (80%) deriva dagli impianti di climatizzazione e di illuminazione delle sale e degli ambienti, che vanno a pesare in maniera importante sul bilancio dell’azienda sotto il nome di costi fissi. Questi sono esborsi che non si possono evitare, in quanto necessari per il corretto funzionamento di tutto il sistema.

Ma come abbattere queste spese, mantenendo la stessa efficienza su tutta l’organizzazione?

Con un impianto di cogenerazione.

Come sfruttare la cogenerazione in questo particolare settore? Quali sono i vantaggi?

La cogenerazione ha la capacità di sfruttare al massimo sia l’energia termica sia quella elettrica, tramite l’uso di un unico impianto.

Il processo avviene tramite la combustione di un’unica fonte primaria, sia fossile o sostenibile, che viene utilizzata per la produzione di energia elettrica.

cogenerazione ospedale IBT Energy

La forza di questi impianti è quella di riuscire a recuperare anche il calore prodotto dalla combustione per poterlo ri-utilizzate in altri processi come la creazione di acqua calda sanitaria, oppure per il riscaldamento invernale.

Uno degli altri vantaggi legati alla cogenerazione è che è decisamente più sostenibile rispetto ai sistemi tradizionali. Questo perché, oltre a rendere più efficiente l’intero sistema consumando di meno a livello energetico, può funzionare anche con fonti energetiche rinnovabili e meno inquinanti, come il metano.

Tuttavia, le strutture sanitarie devono sopperire anche ad altri bisogni, come quello del condizionamento estivo. Per questo esiste una soluzione ad-hoc che può essere abbinata all’impianto cogenerativo, trasformandolo in tri-generativo.

Trigenerazione ospedaliera: dal calore alla refrigerazione

Questo tipo di impianto viene affiancato a quello di cogenerazione e serve a produrre energia frigorifera dall’acqua calda, tramite l’utilizzo di dispositivi detti assorbitori.

La trasformazione avviene tramite il cosiddetto “ciclo frigorifero”, che basa il suo funzionamento sulle trasformazioni di stato del fluido refrigerante tramite la combinazione con un’altra sostanza.

Le principali, utilizzate in coppia, sono:

  • Acqua/bromuro di litio: per raggiungere temperature di 4°C
  • Acqua/ammoniaca: per temperature fino a -60°C

cogenerazione ospedale Capstone IBT Energy

In ambito ospedaliero, può essere usata sia per gli impianti di climatizzazione (nei periodi estivi) ma anche come refrigerante per celle frigorifere e congelatori.

Un impianto trigenerativo permette quindi la creazione di 3 tipologie di energie diverse: elettrica, termica e refrigerante, riuscendo a sfruttare così oltre l’80% del potere del combustibile grezzo, indipendentemente dalla sua origine (fossile come gas metano o diesel oppure rinnovabile come biomasse, biogas e biodiesel).

Le implicazioni di questa tecnologia sono infinite.

Come infiniti sono i vantaggi che essa porta con sé: risparmio monetario, energetico, minor inquinamento e minor consumo di combustibile.

Un impianto trigenerativo è un investimento per il tuo futuro e per quello di molte altre persone che sono sotto la tua responsabilità.

Ricorda sempre che maggior risparmio è sempre causa di maggior investimento, in questo caso in tecnologie che possono cambiare la vita alle persone.

Se vuoi saperne di più sulle soluzioni di cogenerazione e trigenerazione per il settore ospedaliero, visita il nostro sito.

Scopri di più qui

Ricevi gli articoli del blog appena vengono pubblicati

Ricevi gli articoli del blog appena vengono pubblicati

Cliccando sul pulsante qui sotto, riceverai nella tua casella di posta gli articoli del blog non appena verranno pubblicati. Non ti perderai mai un'uscita!

Ti sei iscritto con successo alla newsletter!